Banner news

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

. Per saperne di piu'

Approvo

Squillo d’onore per il Carcare-Acqua Minerale

Gli appassionati del volley femminile stanno assistendo ad un campionato di serie C ligure veramente unico e divertente. Un campionato cha da spazio a repentini cambiamenti e risultati per niente pronosticabili.

pallavolo Carcare Albenga-599x275Dando per certa la marcia trionfale del Carcare che, però, avanza con il freno tirato avendo lasciato 2 preziosi punti derivanti da incontri superati solo tie Break, confermandosi comunque al 1° posto mantenendo inalterato il primato dei 7 incontri vinti consecutivamente che diventano 9 sommando le gare di Coppa Liguria. Ma allora, reiterando un trascorso assunto, è il Carcare la squadra da battere? A questo punto diciamo di si! Anche se si assottiglia il divario in testa classifica.

Un Derby Carcare-Albenga, aspettato con dovuta dedizione considerata decisiva per le sorti del campionato. Una gara veramente ad alto livello che rimarrà a futura memoria come irripetibile per la sua elevata caratura di gioco.

Possiamo sicuramente asserire “ab illo tempore” che non si assisteva ad un incontro di pallavolo di questa portata. L’ignaro spettatore che ha osservato l’incontro, non avrebbe mai annoverato tale gare in una di serie C ma, per il gioco, la velocità e la tecnica espressa, sicuramente a qualche categoria superiore. Ma passiamo alla gara. Sicuramente attesa e preparata da tempo, tanto che la tensione era palpabilissima. Inizia bene il Carcare che si porta subito in vantaggio 7-3, manifestando una buona logica difensiva affidando la seconda linea al supporto della Cerrato che riesce quasi a fare miracoli. Il vero miracolo, però, è nelle mani della Rollero che fa un pò la protagonista in questo inizio di gara. Altra stella dell’attacco è la ritrovata cap. Viglietti che non fa distinzioni di posizioni quando deve attaccare facendosi perdonare i pochi errori in ricezione. Il Carcare esprime un gioco diverso da quelli che abbiamo sino ad oggi assistito, direi che Davide BRUZZO e Parodi, hanno ben lavorato su quegli schemi che, forse, sono stati oggetto di meditazione notturna, ma rilevatisi vincenti, Un set che il Carcare-Acqua minerale di Calizzano, supera 25-12, conscio che l’Albenga è una formazione che non demorde. Infatti il neo si concretizza nel 2° set. Non gira per il verso giusto ed il Carcare è in affanno. Un poderoso gesto atletico della Rollero consente il momentaneo pareggio 4-4. Si legge bene l’attacco del Carcare che consente il smaliziato muro dell’Albenga di neutralizzarne gli attacchi. Se le studia veramente tutte la regia della Marchese per cercare una soluzione. Il gioco si caratterizza con lunghi scambi e veloci recuperi a tutto campo. Impossibile raccontare tutto. L’albenga, squadra formata da giocatrici di un certo livello e di acclamata esperienza, non molla il suo vantaggio sino al 14 pari, quando la reattività biancorossa si fa sentire. Si concretizzano gli attacchi della Cerrato e i colpi centrali sono i più sicuri con il grosso apporto fornito dalla Giordani. Sembra cosa fatta per il Carcare che riprende il ritmo giusto e stacca di 3 punti l’Albenga 20-17. Bruzzo cambia qualcosa, inserisce la Moraglio e la Briano Francesca, rafforza in pratica la difesa, lasciando inalterata la linea d’attacco. Forse comprende che l’Albenga avrebbe, di li a poco, aumentato la sua azione offensiva. Pronostico che si avvera. L’albenga ed il Carcare si appaiono sul 24 pari. Patty manda in rete un attacco ed offre il servizio alle avversarie che con un ace chiudono il set 24-26. Tutto rimandato al 3° set. Anche qui sono state innumerevoli le fasi di gioco da raccontare, ma il Carcare conquista agevolmente il set con un punteggio dal poco commento 25-12. Incontenibile la centrale Briano e la Giordani che blocca con dei muri che incucono le avversarie a riparare nei pallo netti per poter passare. Se bisogna dirla tutta un plauso deve essere rivolto alla Toresan che non ha esitato un attimo ad intercettare ciò che le ingaune facevano giungere nel settore di competenza. Quindi 2-1 per il Carcare, in una gara che poteva essere sicuramente già chiusa. Ma lasciamo spazio al divertimento ad alla adrenalina che si stà esponenzialmente producendo nei due settori di campo. 4° set. L’albenga assimila le urla del proprio mister ed impianta una gara al massimo delle loro energie fisiche e mentali. Un’Albenga che merita, un Carcare che convince. Risultato? un bel set che se lo conquista l’Albenga con un 18-25. Allora, per la seconda volta consecutiva, (sabato scorso contro l’Albaro) il Carcare deve ricorre al T.B. Un 5° set connotato dai lunghi scambi che trova una compattezza nell’attacco biancorosso che non affanna la chiusura della gara con un convincente 15-9, conquistando la 7^ vittoria consecutiva con una ferrea prima posizione, anche se distaccato di un solo punto dalle sue inseguitrici che ad oggi sono l’Albissola e il San Remo (18 punti) considerato che l’altra inseguitrice, il Tigullio perde la gara in casa del Quiliano, restando comunque in posizione privilegiata con 15 punti. Il Campionato continua e nell’ottava gara sarà proprio il San remo ad ospitare il Carcare nella delicatissima trasferta di Sabato 7 Dicembre mente compito facile, almeno sulla carta per l’Albissona che ospiterà la modesta formazione genovese del Volare Volley. Per il momento il Carcare detiene un primato che sarà per molto tempo non solo l’icona della società ma il dubbio di altre formazioni che, prima o poi, avranno l’onore di incontrare le leonesse di Carcare.

(Fonte: liguriasport.com)

Archivio News